COMUNICATI STAMPA DIVULGA

FOOD TANK, IL NUOVO RAPPORTO MONDIALE SUI FARMERS MARKET PUBBLICATO DAL CENTRO STUDI DIVULGA IN COLLABORAZIONE CON LA WORLD FARMERS MARKET COALITION

Food Tank:A Food Think Tank,

Clicca qui per consultare l’articolo.

Il Rapporto, nato dalla collaborazione tra il Centro Studi Divulga e la World Farmers Market Coalition (WFMC), analizza i mercati agricoli globali come alternative durature al sistema alimentare industrializzato.
L’analisi mira a fornire approfondimenti per il nuovo WFMC, lanciato di recente al Pre-Summit dei sistemi alimentari delle Nazioni Unite per facilitare la creazione di mercati degli agricoltori in tutto il mondo. Esaminando i mercati degli agricoltori indipendenti e guidati dalla società civile in Australia, Danimarca, Ghana, Italia, Giappone, Norvegia, Regno Unito e Stati Uniti, i ricercatori confrontano gli strumenti per aumentare la vendita diretta.
Per capire come i mercati degli agricoltori possono servire come modalità alternative di approvvigionamento alimentare, i ricercatori considerano quattro dimensioni chiave: organizzazione e struttura, efficienza, servizio e marketing e cultura. Il rapporto suddivide quindi questi quattro ambiti in idee a livello nazionale per rafforzare e sostenere i mercati degli agricoltori.
Richard McCarthy, membro del gruppo di ricerca USA per il WFMC e collaboratore del rapporto, delinea una tendenza comune ed emergente nel Nord e nel Sud del mondo: “Mercati agricoli indipendenti, guidati dalla società civile che promettono trasparenza, regole prevedibili ed eque e regolamenti e una pausa dal passato stanno fiorendo”, dice a Food Tank.
Il rapporto rileva inoltre che i mercati degli agricoltori possono aiutare a stabilizzare i ricavi delle aziende agricole in modo migliore rispetto ai canali di distribuzione convenzionali, come supermercati o ipermercati. Allo stesso modo, i mercati degli agricoltori possono garantire un reddito equo ai piccoli agricoltori promuovendo un’agricoltura agronomicamente sana che preservi la biodiversità, rispetti la stagionalità e abbia un basso impatto ambientale. I mercati degli agricoltori possono anche aiutare a far ricrescere le economie locali e rurali, consentendo una prospettiva più profonda dell’agricoltura supportata dalla comunità.
Il rapporto spiega come il successo dei mercati degli agricoltori dipende da un insieme diversificato di risorse specifiche. Oltre alle risorse materiali, tra cui infrastrutture, suolo, acqua e biodiversità, i ricercatori sottolineano l’importanza delle risorse organizzative e collettive. Un esempio include il capitale sociale che facilita la circolazione delle informazioni, favorendo la consapevolezza del consumatore e il patrimonio relazionale.
A livello globale, il rapporto evidenzia la centralità delle donne nella gestione delle comunità del cibo locali e nello sviluppo delle relazioni tra agricoltori e consumatori. Le filiere alimentari corte, come i mercati degli agricoltori, favoriscono l’inclusione delle donne imprenditrici nell’agricoltura.
In Giappone, il movimento alimentare teikei è nato negli anni ’60 da un gruppo di donne che mirava a riconnettere produttori e consumatori biologici attraverso l’assistenza reciproca. Nella municipalità di Yendi, in Ghana, le donne producono e vendono prodotti locali come il burro di karitè. E in Norvegia, i mercati degli agricoltori stanno fiorendo grazie ai contributi delle agricoltrici alle iniziative di marketing diretto.
I mercati degli agricoltori offrono anche nuove opportunità per coltivare esperienze condivise basate sulla fiducia e sullo scambio, nonostante le interruzioni durante la prima ondata di blocchi COVID-19. McCarthy osserva che la spinta a ottenere il riconoscimento come “servizi essenziali” e non semplicemente “eventi speciali” favorisce l’innovazione e la resilienza. Alcune innovazioni includono mercati agricoli guidati, consegne a domicilio e mercati temporanei di fortuna che raggiungono punti vendita più piccoli in Bangladesh e Vietnam.
Lo studio mostra anche l’importanza di considerare le differenze regionali nella valutazione dei mercati. Secondo il rapporto, i mercati degli agricoltori e le piccole aziende agricole del Nord del mondo hanno affrontato il rischio di collasso a causa delle pressioni dei sistemi agroalimentari moderni e globalizzati.
McCarthy dice a Food Tank che la più grande differenza tra i mercati del Nord e del Sud del mondo è che i mercati del Nord “sono stati emarginati per così tanto tempo che quando sopravvivono o riappaiono, lo fanno lungo i margini. Non rappresentano più il mezzo principale con cui i consumatori acquistano i loro alimenti”.
Tuttavia, il rapporto mostra che i mercati degli agricoltori possono prosperare con un maggiore sostegno istituzionale alle filiere alimentari corte e un’enfasi sull’agricoltura rispettosa dell’ambiente. Ciò consentirà sia ai piccoli agricoltori che ai consumatori di garantire prezzi equi.
Nel Sud del mondo, invece, le modalità locali di approvvigionamento alimentare rappresentano la principale fonte di sicurezza alimentare per le popolazioni rurali. Nei centri urbani che hanno subito una rapida urbanizzazione, negli ultimi tre decenni e mezzo sono proliferate filiere alimentari corte, compresi i distributori di cibo di strada.
“Nel Sud del mondo, dove possono proliferare mercati di ogni immaginabile serie di regole, o la loro mancanza,”, afferma McCarthy, “è il grande desiderio sia tra gli agricoltori che tra gli acquirenti di pulire l’ardesia e ricostruire le relazioni in nuovi contesti”. Questo desiderio, unito alla crescita di filiere alimentari corte nei centri urbani, può in definitiva rafforzare i collegamenti urbano-rurali, aumentando le opportunità di mercato nelle aree periurbane.
Il rapporto conclude che i mercati degli agricoltori devono sviluppare pratiche di condivisione delle conoscenze e costruire un capitale sociale che valorizzi l’unicità della gastronomia locale come alternativa al sistema alimentare industrializzato.
“I mercati degli agricoltori sono il veicolo per progettare la vicinanza tra coloro che sono cresciuti in modo così disparato e straniero. Il contatto sociale diretto tra agricoltore e acquirente, indipendentemente da razza, lingua, sesso, età e classe, innesca il tipo di coesione sociale che crea fiducia e comprensione”, afferma McCarthy.

Contattaci e se vuoi restare aggiornato con le novità Divulga? Inserisci qui la tua email.
Contattaci

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi